Vinacolo » Ricette » Gusto al primo assaggio con le trofie al forno, speck, provola e noci

Un primo piatto tutto gusto, trofie al forno con speck, provola e noci, veloce da preparare estremamente saporito, forse ancora più buono se gustato il giorno dopo.
Stupirete i vostri ospiti con semplicità con un piatto ricco, delicato e corposo al tempo stesso soprattutto adatto per qualsiasi occasione.
Non vi resta che prepararle.

Ingredienti per sei persone
500 grammi di trofie
500 grammi di besciamella
150 grammi di speck a cubetti
125 grammi di provola
12 noci tritate
Olio extravergine d’oliva q.b.
Parmigiano q.b.
Burro q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.

Preparazione
In una pentola ampia mettete a bollire dell’acqua con un pugno sale, quando sarà in ebollizione tuffateci le trofie fatele cuocere scolandole quando saranno al dente.
Versate un filo di olio in una casseruola e fate rosolare per qualche minuto lo speck a cubetti e le noci tritate grossolanamente; aggiungete le trofie, la provola affumicata tagliata a cubetti, 3/4 di besciamella; aggiustate con sale e pepe ed amalgamate bene il tutto.
Trasferite le trofie cosi condite in una pirofila da forno, aggiungete sulla superficie petali di burro, parmigiano e la besciamella rimasta.
Infornate a 180° per 20 minuti e portate in tavola.
Buon appetito.

https://annasweetsecrets.wordpress.com/2017/01/24/gusto-al-primo-assaggio-con-le-trofie-al-forno-speck-provola-e-noci/

Consigliamo di accompagnare questa ricetta con il  IS ARGIOLAS DOC – ARGIOLAS.

Non si può raccontare la Cantina senza raccontare la famiglia. È una storia che comincia agli inizi del ‘900, a Serdiana, terra di agricoltori, di oliveti e vigne.
Qui, nel 1906, nasce Antonio, il patriarca. È lui che inizia a impiantare filari, a unire vigna a vigna, a produrre cercando la qualità, con rigore.
Serdiana è vicino a Cagliari, appena nell’entroterra. È in una zona di basse colline ondulate, come un anfiteatro attorno alla città e al suo golfo. Sono terre coltivate da millenni, e fin da allora erano gli oliveti, i campi e le vigne della città.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>