Vinacolo » Ricette » Le ricette di Anna: seppie ripiene

Ingredienti
4 seppie grandi
1 ciuffo di prezzemolo
3 cucchiai di formaggio pecorino
3 cucchiai di pangrattato
1 uovo
1 spicchio di aglio
5 cucchiai di olio d’oliva extra-vergine
Sale q.b.
Pepe q.b.
Preparazione
Preparate aglio e prezzemolo tritandoli bene; pulite con cura le seppie separando le sacche dai tentacoli senza romperle.
Sgusciate l’uovo in una terrina, insaporitelo con sale e pepe e sbattetelo bene; unitevi metà pangrattato e metà pecorino, l’aglio, un po’ di prezzemolo, un cucchiaio d’olio ed amalgamate con cura.
Con l’impasto ottenuto riempite le sacche delle seppie, fate attenzione a non riempirle troppo perché durante la cottura l’impasto si gonfia e potrebbe spaccare la sacca della seppia.
Cucite l’apertura con un filo da cucina.
Mettete le seppie ripiene in una pirofila, irroratele con l’olio rimasto, spolverizzatele con pangrattato, pecorino e prezzemolo mescolati assieme, insaporite con sale e pepe.
Infornate a 170 gradi per circa 30 minuti.
Servite in tavola le seppie ben calde.

https://annasweetsecrets.wordpress.com/2015/03/16/lo-chef-lele-ha-deciso-stasera-seppie-ripiene/

Consigliamo di accompagnare questa ricetta con il RAMI’ FALANGHINA DEL MOLISE DOC – DI MAJO NORANTE.

Nel Molise il vino ha una tradizione che risale ai Sanniti e ai Romani, i quali vi introdussero la coltivazione della vite. I metodi di produzione sono quelli tramandati da una generazione all’altra nell’Appennino meridionale, sempre legati ai valori del mondo contadino. La Masseria Di Majo Norante è ubicata a Nord del Gargano in contrada Ramitello, in agro di Campomarino, dove il terreno sciolto e in parte sabbioso e la brezza estiva concorrono a creare un habitat particolarmente favorevole. Alessio Di Majo, vignaiolo testardo e controcorrente, ha sacrificato produttività ed omologazione del gusto al perseguimento costante della qualità e della tipicità, nella convinzione che i vitigni meridionali siano più adatti alle condizioni pedoclimatiche del Contado del Molise. Segue una breve galleria fotografica della masseria Di Majo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>