€151.00

Descrizione prodotto

Champagne La Grande Année Rosè 2004

L’ultimo regalo di Madame Bollinger frutto di condizioni
rare: l’assemblaggio di un grande Champagne e di un
grandissimo vino rosso champenois della stessa
annata

Maturazione: un periodo di affinamento in
cantina più di 2 volte superiore a quanto stabilito
dal disciplinare dell’appellazione

Dosaggio: moderato, da 8 a 9 grammi per litro
ASSEMBLAGGIO:

Predominanza del Pinot Nero con taglio
Chardonnay: 68% Pinot Noir, 32%
Chardonnay.

89% Grands Crus, 11% 1er Crus

6% vino rosso Còte aux Enfants

COLORE: Nuances salmone dai riflessi aranciati.
PROFUMO: Note di ribes e mandorle, note speziate e
tostate. I profumi dei grandi Pinot Noir della Borgogna
SAPORE: La sorpresa della vinosità coniugata in
gradevole freschezza. Aromi di ciliegia o addirittura di
kirsch e di pane tostato

ABBINAMENTO: Filetto d‘anatra, quaglia, piccione o
faraona. Cervo in salsa “grand veneur”. Cucina
orientale o esotica. Crumble al rabarbaro e frutti rossi.
NOTE: La GA Rosé sublima i momenti di gastronomia
più ricercati per abbinamenti perfettamente riusciti.
Potente e di grande complessità, può essere degustato
in occasione di cene tète-à-tète, per momenti di infinita
seduzione. Pper valorizzare il suo stile unico, il suo
bouquet, i suoi aromi, vi consigliamo di servire La GA
Rosé tra 10 e 12° C. Potete degustare Ia GA Rosé fin
da subito, oppure scegliere di lasciarlo riposare in
cantina. Un rosé di Bollinger si, ma un rosé fuori dal
comune: era la scelta di M.me Bollinger. Nasce così La
GA Rosé, l’incontro di uno Champagne millesimato
d’eccellenza con un vino rosso proveniente da una
parcella unica, la mitica Còte aux Enfants. In
Champagne produrre una tale qualità di vino rosso
assomiglia a una sfida, una rarità nel più puro stile
Bollinger.

L’ azienda prese nome nel 1829 da Jacques Placide Bollinger, genero del fondatore Athanase

Louis Emmanuel conte di Villermont. La maison Bollinger è situata ad Ay, uno dei paesi storici nel cuore

della Champagne e la qualità dei suoi vini è universalmente riconosciuta, addirittura anche da parte dei concorrenti.

Grazie alla posizione privilegiata delle vigne, e ad una profonda etica di qualità, la Maison Bollinger acquisisce

rapidamente una reputazione a livello internazionale grazie allo stile e alla qualità dei suoi vini di Champagne.

Ancora oggi la famiglia presiede al futuro della Maison Bollinger ponendosi come fine quello di mantenere un livello

di produzione che sia il più alto possibile. Questa volontà si concretizza dal 1992 con la Carta Etica e di Qualità sulla

quale vengono messi per iscritto tutti i metodi e i principi difesi dalla Maison Bollinger. I vigneti Bollinger

soddisfano il 70% del suo fabbisogno in uve, si estendono su una superficie di 160 ettari situati essenzialmente entro

i confini dei grands crus e premiers crus champenois. I vigneti soddisfano il 70% del fabbisogno di uve garantendo

una qualità costante nel tempo. Il restante 30% proviene da uve selezionate e acquistate dagli altri viticoltori entro il

perimetro dei grands e dei premiers crus. La Maison Bollinger utilizza solo il vino proveniente dalla prima

spremitura, rivendendo le seconde spremiture. Il pinot nero, la “chiave di volta” degli assemblaggi Bollinger

Lo stile Bollinger si basa sul pinot nero, proveniente soprattutto dai territori prestigiosi di Aÿ, di Bouzy e di

Verzenay. La sua tipicità conferisce ai vini ricchezza, vinosità e rotondità. I grands e i premiers crus sono la base

degli assemblaggi Bollinger I grands crus e i premiers crus entrano nella loro totalità nella composizione

dell’assemblaggio del Grande Année e per l’80% in quello dello Special Cuvée. Essi apportano ai vini Bollinger la loro

struttura e la loro complessità. I vini di riserva vengono conservati in magnum con tappi in sughero sotto una leggera

presa di schiuma , cru per cru, vitigno per vitigno, annata per annata

Questo metodo unico in Champagne, permette alla Maison Bollinger di conservare i suoi vini di riserva

per molti anni preservandone la loro freschezza ed il loro

carattere. Disponendo così di una vera enoteca, la Maison Bollinger può scegliere con grande precisione il cru,

il vitigno e l’annata che assicureranno al meglio la continuità nell’assemblaggio Special Cuvée.

Bollinger può inoltre vantare l’ esclusiva di un vigneto chiuso tra mura (clos) dal quale nascono uve di vitigni

prefilossera, usate per lo Champagne Vieilles Vignes.

Prima della sboccatura, i vini Bollinger maturano in cantina per un minimo di 3 anni per lo Special Cuvée,

5 anni per il Grande Année, 8 anni per l’ R.D.

Questo invecchiamento, molto più lungo di quanto richiesto dalle regole della Denominazione,

permette la perfetta maturazione degli aromi e lascia al vino il tempo di recuperare il suo equilibrio.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni. Be the first to write one.

Scrivi la prima recensione per “Champagne La Grande Année Rosè 2005 – BOLLINGER”